I più letti del Sentiero

Disclaimer

Il Sentiero della Natura è un sito indipendente di Naturopatia, Olismo, Ricerca Personale, Sostenibilità Ambientale, Alimentazione e Benessere Naturale, creato a titolo puramente divulgativo e senza fini di lucro.

E' il frutto della passione, dello studio, dell'entusiasmo e dell'esperienza dei suoi autori. Il sito nasce dalla libera convinzione che il benessere sia un valore e un diritto imprescindibile per ogni essere vivente e che la Natura rappresenti il modello e l'insegnamento più alto di cui possiamo disporre.


Le informazioni riportate ne Il Sentiero della Natura hanno fine divulgativo: non sono riferibili né a prescrizioni, né a consigli medici, né a terapie sanitarie. I testi non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato. Qualora si intendesse prendere in considerazione qualche indicazione tra quelle contenute nel blog si raccomanda di consultarsi prima con il proprio medico di base. Si esonera pertanto Il Sentiero della Natura e i suoi autori da ogni responsabilità al riguardo.

Informativa

Il Sentiero della Natura non rappresenta una testata giornalistica in quanto non è aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della L. 62/2001.

Le immagini presenti sono quasi tutte tratte da Internet e pubblicate senza fini di lucro, quindi valutate di pubblico dominio ed esenti da vincoli di sorta. Se comunque ritieni che sia presente qualche contenuto che viola i diritti d'autore, segnalacelo e verrà rimosso.

Sei libero di riprodurre, distribuire, esporre e modificare quest’opera. L'importante è che non cambi il significato e che venga citata Il Sentiero della Natura come fonte e, in caso di utilizzo web, un link attivo all'articolo de Il Sentiero della Natura oppure all'indirizzo web www.ilsentiero.net.

Il Sentiero della Natura declina ogni responsabilità circa le opinioni espresse dai lettori, i quali se ne assumono la responsabilità. I siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti de Il Sentiero della Natura sono forniti come servizio agli utenti a completamento degli articoli pubblicati. Il Sentiero della Natura non è collegato ai siti in oggetto e non è responsabile del loro contenuto.

Coltivare la stevia in casa

scritto da Andrea Vitali 04/04/10


Coltivare la STEVIA RABAUDIANA è possibile? 
La risposta è si! 



Novembre 2011: finalmente la stevia è stata 'sdoganata' ed è ora possibile trovarla in commercio come dolcificante. Potete leggere la notizia nel dettaglio nel nostro articolo dello scorso luglio dove diamo la notizia in anteprima!

Ma a noi piace produrla in casa, quindi torniamo alla pianta di stevia...

Recentemente, dopo qualche ricerca,  abbiamo comprato i semi e al momento attendiamo di veder spuntare i primi germogli. Nel frattempo l'abbiamo già provata in foglie secche e sbriciolate: leggete l'articolo sulla Torta con la stevia al posto dello zucchero.

Sicuramente vi aggiorneremo su queste pagine sui progressi del 'vivaio': dal primo semino messo in terra all'essiccamento delle foglie.

Nel frattempo, in risposta a richieste pervenute via email e tramite il profilo facebook del Sentiero, riporto una sintesi delle indicazioni che ho ricevuto da chi mi ha venduto i semi, che ho integrato con alcune preziose informazioni reperite in rete, nonché con la nostra prima personale esperienza di semina della Stevia Rabaudiana.
Quello che segue è di fatto il nostro 'manuale operativo' della Stevia, ad oggi. :)




CARATTERISTICHE 

DELLA STEVIA RABAUDIANA

La Stevia rabaudiana è una pianta rustica molto resistente, perenne o semiperenne a seconda del clima in cui viene coltivata. Con le dovute attenzioni la pianta si conserverà in perfetta salute e ci gratificherà con una generosa gustosissima produzione di foglie!
In Italia è possibile coltivarla a qualsiasi latitudine, certamente nelle zone più fredde sarà opportuno usare maggiori accortezze specialmente in inverno quando è consigliabile proteggere la parte basale (che germoglierà in primavera) con pacciamature. Se in inverno le temperature scendono frequentemente sotto lo zero è consigliabile ricoverare la pianta in ambienti protetti, almeno fino al termine delle gelate notturne.

Ama i terreni sciolti e ben drenati quindi per la messa a dimora è indicato un buon terriccio biologico tagliato con torba e ben drenato per non soffocare le radici. Come drenante consiglio di utilizzare ciotoli, argilla espansa, ghiaia; personalmente non utilizzerei polistirolo dal momento che si tratta comunque di un materiale chimico che inquina e che a contatto con le radici andrebbe a 'nutrire' le nostre foglie.
Non ha particolari esigenze rispetto all'acidità del terreno sebbene alcuni coltivatori indicano un pH ideale tra il 6-7. Vegeta bene in posizione semiombreggiata, ma la Stevia rabaudiana dà il meglio di sè se coltivata in posizione soleggiata.

Arriva ad un'altezza di mezzo metro circa, ha fiori ermafroditi molto piccoli, numerosi, di colore biancastro, impollinati dagli insetti. La fioritura è tardo-autunnale. Ha foglie ovate, opposte.
La Stevia si riproduce per seme e si moltiplica per talea.

Nell'immagine: La nostra prima piantina di Stevia a 6 settimane dalla semina.

REPERIRE I SEMI DI STEVIA

Dove reperire i semi di Stevia Rabaudiana è una delle questioni più impegnative. Infatti non è facilissimo trovare i semi di stevia.
Sicuramente non negli alimenentari, nei supermarket, ma nemmeno in gran parte di erboristerie e dei vivai.
Occorre cercare accuratamente e chiedere in giro.
Cercare sia su internet tra commenti, forum e articoli che chiedendo agli amici e conoscenti, magari qualcuno lo sa!
Dovete trovare un vivaio che 'tratti' l'argomento e disponga di semi o piante adulte che possono essere vendute, talvolta, anche come piante ornamentali. Oppure potete recarvi a  fiere di alimentazione alternativa (che io chiamerei tradizionale)  o florvivaistiche. Io ad esempio ho preso semi e foglie a  Fa' la cosa giusta (link 2).


LA SEMINA

Se avete trovato finalmente i semi di Stevia e potete cimentarvi nella semina! 
E' necessario sapere come prima cosa che la germinazione è molto bassa, i semi sono piccoli e leggerissimi, volano che è un piacere!
Vanno adagiati in un letto di terra sciolta e umida e quindi ricoperti con un sottile strato per far si che non scappino.. La terra va mantenuta umida e, data la delicatezza e la leggerezza del seme, è consigliabile utilizzare un nebulizzatore fine. Il tempo di germinazione è variabile, da una settimana a....oltranza, ho sentito dire di semi dati per defunti germogliati dopo diverse settimane!

La semina si effettua all'inizio della primavera, possibilmente dentro casa e vicino a una finestra in modo da poter ricevere il calore del sole durante il giorno. Un suggerimento prezioso che mi è stato dato è quello di ricoprire la semina con un tessuto a mezz'ombra, lo si trova in qualsiasi vivaio.
Le piantine vanno trapiantate non prima di aver messo il secondo paio di foglie vere (il terzo contando quello del germoglio). A questo punto, scongiurato il pericolo di ulteriori gelate, è possibile metterle a dimora all'esterno avendo cura di proteggerle ancora sino a quando le piante non saranno ben avviate.


MOLTIPLICAZIONE PER TALEA

La riproduzione per talea a partire da una pianta avviata è molto più semplice e ha un'elevata percentuale di successo. Per i dettagli di questa pratica, che non ho ancora sperimentato in prima persona, rimando al sito di Lucio Longo che mette a disposizione un accurato set fotografico che descrive meglio di tante parole la riproduzione per talea della Stevia.


PRODUTTIVITA' DELLA STEVIA

Il periodo di maggior produttività è quello che va dalla tarda primavera all'inizio dell'autunno. Durante questo periodo la Stevia rabaudiana va innaffiata spesso e, avendo un 'metabolismo' (crescita e fotosintesi) particolarmente veloce, anche concimata spesso (evitando accuratamente l'utilizzo di concimi chimici)

Per ottenere dalla Stevia una grande quantità di foglie con un tenore zuccherino più concentrato è necessario seguire le seguenti indicazioni:

- eseguire la prima cimatura quando le piantine avranno raggiunto un altezza di 10-12 cm ;

- la cimatura va effettuata asportando gli apici vegetativi in modo da lasciare 2 nodi e relative foglie per consentire lo sviluppo di nuovi getti ascellari (da cimare a loro volta adottando lo stesso criterio);

- così impalcata la pianta andrà lasciata vegetare fin quando i tralci non avranno raggiunto una lunghezza di 50 cm circa; questo per consentire alle preziose foglie di 'maturare', dal momento che la capacità dolcificante è maggiore quanto più sono adulte le foglie.;

- la raccolta dei rami andrà fatta usando il criterio sopraindicato di cimatura, ovvero lasciando 2 nodi pronti per la successiva vegetazione;

Una volta raccolti i rametti vanno fatti essiccare, possibilmente all'aperto all'ombra o comunque in un locale ben areato e asciutto. A essiccazione avvenuta si possono separare le foglie dai rami e conservarle tal quali oppure dopo averle sbriciolate. Si consiglia di conservarle in vasi di vetro chiusi ermeticamente. La stevia è un dolcificante naturale. Leggete quali solo gli altri dolcificanti naturali alla pagina Dolcificanti naturali: alternative allo zucchero raffinato.


MALATTIE E INCONVENIENTI RISCONTRATI NELLA PIANTA

Le malattie che si riscontrano più di frequente nella coltivazione della Stevia rabaudiana ono soprattutto di natura fungina.
Non ci sono problemi particolari a combattere tali miceti, ma, essendo la Stevia una pianta destinata all'alimentazione sia come prodotto fresco che sotto forma di polvere dolcificante, è opportuno non utilizzare prodotti antiparassitari.

Lo stesso dicasi per l'attacco di insetti fra cui prevale la farfallina bianca e gli Afidi. E' consigliabile ricorrere alla lotta integrata alternando la somministrazione di piretro naturale con l'immissione di predatori naturali. Per contenere al massimo i problemi fungini è consigliabile che l'acquisto della pianta venga fatto presso produttori professionali.





31 commenti

  1. bece1 scrive:
  2. vorrei sapere cosa fare ora che le pintine sono alte più di 1 metro , hanno fiorellini bianchi .... taglio i rami .... tolgo solo le foglie ...? garzie cesare

     
  3. en.theos scrive:
  4. Ciao Cesare, se abiti al nord italia questo è il momento ideale per una bella potatura. Puoi tagliare i rami sin quasi alla base, fintanto che le foglie sono verdi. Poi puoi lasciare a seccare le foglie dentro casa e poi sbriciolarle fini oppure lasciarle tal quali per produrre un fantastico e naturale dolcificante! Ripara le piantine con della pacciamatura o un telo se la tua zona è soggetta a gelate, le piantine riprenderanno a vegetare dopo l'inverno.
    Se invece abiti zone più temperate puoi benissimo lasciare un po' di pianta ma in ogni caso conviene tagliare ora tutti i rami con le dolcissime foglie.

    Facci sapere come sono :D
    A presto!!
    Andrea

     
  5. Francesca scrive:
  6. conosco le proprietà della stevia grazie a terramadre. il vostro è un articolo interessantissimo che diffondo con piacere.
    Francesca

     
  7. karla dostalova scrive:
  8. fantastico!
    dal 11.11.2011 l'uso della stevia è legale in tutta EU
    http://www.industry-eu.cz/novinky-a-clanky/novinky-v-ekologii/prirodni-sladidlo-stevia-povoleno-v-eu-i-cr

     
  9. karla dostalova scrive:
  10. anche commercializzare...

     
  11. Lisa scrive:
  12. Da due giorni mi è stata regalata una piantina alta circa 15 cm. devo rinvasarla o piantarla direttamente sul terreno?
    Grazie a chi mi risponderà.

     
  13. Sono molto interessato alla pianta stevia, ho comperato una decina di piantine e trovo il tuo articolo molto interessante per seguirle nel loro sviluppo. Mi potresti indicare il nome del sito di LUCIO Longo, vorrei provare a riprodurre lo stevia per talea. Grazie e un caro saluto Mirko

     
  14. Anonimo scrive:
  15. Ho acquistato i semi a FA'LA COSA GIUSTA e in meno di 2 settimane ho più di duecento piccole piantine. Se qualcuno fosse interessato mi contatti: iltimidoubriaco@tin.it

     
  16. Anonimo scrive:
  17. Da circa 1 anno stiamo sperimentando in Azienda agricola la Stevia Rebaudiana con ottimi risultati. Tutti i vicini hanno iniziato a cucinar valanghe di dolci!!! Nel caso vi interessi abbiamo kit da 4 piantine - Scriveteci ... steviaeuropa(@) gmail.com

     
  18. en.theos scrive:
  19. Complimenti e grazie per la segnalazione! :)

     
  20. Anonimo scrive:
  21. Ho seminato la stevia circa venti giorni fa' e grande è stata la mia meraviglia nello scoprire dopo appena quattro,cinque giorni che i semi erano germinati quasi tutti.(una decina).
    Le pene sono iniziate dopo:praticamente le piantine crescono assai poco: al momento hanno solo quattro foglioline piccolissime e stente. Le ho concimate leggermente. Che altro posso fare?

     
  22. Anonimo scrive:
  23. Attenti alle formiche! Mia suocera che ha il pollice verdissimo è riuscita a far germogliare i semi, ma le piantine a sole due settimane di vita sono state mangiate dalle formiche! Evidentemente la stevia piace anche a loro....

     
  24. Anonimo scrive:
  25. In caso di crescita stentata concimare con 1g per litro di acqua di fosfato di potassio per uso bio,0,5g/l di solfato di ferro e 2g/l di solfato di magnesio(sale di epsom)settimanalmente e controllare il ph dell'acqua presente nel sottovaso che deve essere di circa 6,8(fra 6 e 7) Se fosse oltre 7 rinvasare mischiando la terra di coltura con torba acida e sabbia di fiume meta e meta. per il drenaggio di fondo vaso nn utilizzare l'argilla espansa che spesso basicizza ma lapillo vulcanico usato spesso per pacciamare. Chi avesse a disposizione sassolini di pomice ne aggiunga 2 manciate per vaso che aiuta,ma solo nel mix con la torba acida. Saluti Leo.

     
  26. Anonimo scrive:
  27. in caso di attacco di afidi e formiche sciogliere qualche goccia di sapone nero(rigorosamente potassico) in acqua con aggiunta di piretro verde e silicato potassico (5gocce per litro).poi con i guanti e una spugnetta morbida lavare le foglie una ad una sensa sciaqquare. Dopo tre giorni spruzzare bene all'alba estratto liquido di assenzio e nn mangiare le foglie prima di 15 giorni dal trattamento. In alternativa procurarsi delle coccinelle e liberarle sulle piante infestate.

     
  28. Stevia Wonder scrive:
  29. Grazie per tutte le informazioni.
    Qualcuno sa dirmi se la Stevia ha la stessa capacità di CONSERVAZIONE dello zucchero? Vorrei liberarmi dal uso dello zucchero nella preparazione degli sciroppi, liquori e marmellate. I barattoli si possono certo bollire, ma lo sciroppo di sambuco è un peccato farlo, e come comportarsi con la cotognata?
    Sto anche cercando delle piante di olivello spinoso e delle coccinelle, dato che i carciofi sono in preda degli afidi, e terrò per questo le preziose Stevie al balcone lontane dal pericolo - spero!

     
  30. Anonimo scrive:
  31. Ciao io sarei interessata al kit di quattro piantine!
    Paolo.frigerio@alice.it

     
  32. Anonimo scrive:
  33. Indicazioni sulla coltivazione della Stevia le trovate qui ...
    http://steviapoint.blogspot.it/

     
  34. Anonimo scrive:
  35. io ad una fiera ho comperato la stevia, ma ha i fiori giallo intenso e non bianchi, sarà stevia come mi hanno detto oppure mi hanno ingannato? io prima di usarla vorrei essere certa che lo è! Se qualcuno mi sa rispondere grazie!

     
  36. Tania Laudadio scrive:
  37. Articolo molto interessante! Ne parlo anche io nel mio blog sulle proprietà dolcificanti ed i limiti di assunzione consigliati dalla FAO:
    http://infarmacia.blogspot.it/2012/06/stevia-dolcificante-naturale.html

     
  38. claudia scrive:
  39. Chiedo aiuto! Ho da tre settimane tre piantine di stevia, sono veramente piccine non arrivano neanche a tre nodi. Il problema è che le foglie più in basso sono gialle e brutte e le piantine non crescono poi così tanto. Fino a ieri erano sempre al sole adesso le ho sposate in penombra. Qualcuno mi aiuta a capire cosa sbaglio???? grazieeee

     
  40. Anonimo scrive:
  41. sono molto grata a tutti non conascevo questa pianta vorrei saperne di piu e possibile?????????????'grazie

     
  42. Anonimo scrive:
  43. x scoprire se si tratta di stevia ,assaggia una fogliolina.
    kelsey

     
  44. Anonimo scrive:
  45. Ho preso alcuni rametti di stevia in un agriturismo ,dove il terrereno era argilliso,puro putroppo non sono riuscita a prelevarli con le radici; a casa li ho messi nei vasetti con l'acqua ,in posti differenti,xchè almeno uno prendesse;un solo rametto l'ho messo direttamente nel terreno ma le foglie si sono seccate ,cosa ho sbagliato e posso fare qualcosa x salvarle? grazie ,kelsey

     
  46. Andrea Vitali scrive:
  47. Ciao Kelsey, se li hai presi in questa stagione difficilmente attechiranno. Tienili comunque nella terra e al riparo dalle gelate, non è escluso che in primavera possano 'risvegliars' :)

     
  48. Anonimo scrive:
  49. Ho una pianta di stevia in terra in giardino, da un po' di tempo i rami da verdi sono tutti diventati marroni e le foglie sono tutte seccate! Non gli e' mancata l'acqua anzi paradossalmente adesso piove molto di più. Per ora ho tagliato la pianta a 5 cm da terra ( come avevo letto in un sito) e ho utilizzato le foglie ma vorrei sapere se e' normale faccia così e quindi devo solo pacciamarla per l'inverno o questo comportamento e' "problematico" e quindi dovrò piantarne un''altra.

     
  50. Anonimo scrive:
  51. La mia stevia e' un disastro,vermiciattoli verdi si sono mangiati tutte le foglie.Ho piantato nel terreno aglio,niente da fare.Taglio tutto? Grazie

     
  52. Anonimo scrive:
  53. ciao! come si utilizzano le foglie essiccate per dolcificare?
    devo fare un estratto?

     
  54. Andrea Vitali scrive:
  55. Per fare un estratto dalle foglie occorrerebbe un procedimento che a casa non è semplicissimo riprodurre. Le foglie puoi comunque polverizzarle e utilizzare come dolcificante.

     
  56. pablitagrace scrive:
  57. Ottimo articolo, grazie!

     
  58. Danilo Salvo scrive:
  59. salve ho comprato 1 settimana fa una piantina di stevia volevo sapere se quando seccano i fiori bianchi con quelli posso seminare in primavera una prossima pianta...poi non so se tenere la piante all'interno o esterno e quanto devo innafiare

     
  60. Danilo Salvo scrive:
  61. un'altra cosa mi conviene travasare la piante ha le foglie piccole e il vaso piccolo

     

Posta un commento

Segui il Sentiero!


Ultimi commenti

Google Connect

Statistiche