I più letti del Sentiero

Disclaimer

Il Sentiero della Natura è un sito indipendente di Naturopatia, Olismo, Ricerca Personale, Sostenibilità Ambientale, Alimentazione e Benessere Naturale, creato a titolo puramente divulgativo e senza fini di lucro.

E' il frutto della passione, dello studio, dell'entusiasmo e dell'esperienza dei suoi autori. Il sito nasce dalla libera convinzione che il benessere sia un valore e un diritto imprescindibile per ogni essere vivente e che la Natura rappresenti il modello e l'insegnamento più alto di cui possiamo disporre.


Le informazioni riportate ne Il Sentiero della Natura hanno fine divulgativo: non sono riferibili né a prescrizioni, né a consigli medici, né a terapie sanitarie. I testi non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato. Qualora si intendesse prendere in considerazione qualche indicazione tra quelle contenute nel blog si raccomanda di consultarsi prima con il proprio medico di base. Si esonera pertanto Il Sentiero della Natura e i suoi autori da ogni responsabilità al riguardo.

Informativa

Il Sentiero della Natura non rappresenta una testata giornalistica in quanto non è aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della L. 62/2001.

Le immagini presenti sono quasi tutte tratte da Internet e pubblicate senza fini di lucro, quindi valutate di pubblico dominio ed esenti da vincoli di sorta. Se comunque ritieni che sia presente qualche contenuto che viola i diritti d'autore, segnalacelo e verrà rimosso.

Sei libero di riprodurre, distribuire, esporre e modificare quest’opera. L'importante è che non cambi il significato e che venga citata Il Sentiero della Natura come fonte e, in caso di utilizzo web, un link attivo all'articolo de Il Sentiero della Natura oppure all'indirizzo web www.ilsentiero.net.

Il Sentiero della Natura declina ogni responsabilità circa le opinioni espresse dai lettori, i quali se ne assumono la responsabilità. I siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti de Il Sentiero della Natura sono forniti come servizio agli utenti a completamento degli articoli pubblicati. Il Sentiero della Natura non è collegato ai siti in oggetto e non è responsabile del loro contenuto.

Germe di Grano: benefici e proprietà

scritto da BRUNIVERSO 03/05/10




                        Finalmente parliamo del germe di grano!

L'ennesimo straordinario alimento, dalle proprietà e dai benefici 'tutta natura', che ha reso la nostra alimentazione sempre più attenta, gustosa e divertente.


Molti amici ci chiedono articoli su questo o quel prodotto. Noi, come linea guida editoriale del blog, abbiamo deciso di parlare soltanto di ciò che abbiamo provato e sperimentato.

Quindi abbiate solo un po' di pazienza...perché prima o poi scriveremo di tutto! Voi continuate con i vostri feedback, soprattutto 'allo scoperto' qua sul blog. Anche se apprezziamo ovviamente tutti i complimenti ed i suggerimenti giunti tramite facebook o posta elettronica, e se proprio dobbiamo dirvela tutta...GRAZIE A VOI!


IL GERME DI GRANO


Anatomia della
CARIOSSIDE 
(immagine a sinistra)


Il germe di grano è una delle tre parti (regioni anatomiche) della cariosside, il frutto del grano.



La cariosside di frumento è infatti costituita da:

tegumenti o involucri (8% circa)
- endosperma amilaceo o mandorla farinosa (87-89% circa)
germe di grano o embrione (2-4% in peso)

Ogni regione ha chiaramente i suoi specifici nutrienti con relative proprietà. Il germe di grano, fermo restando che fa bene a tutti, è particolarmente indicato per la crescita dei bimbi, per la dieta degli anziani, per gli sportivi. 

Contiene le Vitamine del gruppo B, Vitamine del gruppo E, minerali (fosforo, magnesio), grassi, aminoacidi, acidi grassi insaturi, sostanze fitoattive e presenta un buon profilo proteico.

Tabella ed immagine della cariosside pubblicate sul sito MyPersonalTrainer.
                                                (Cliccate sull'immagine per ingrandirla)


Valori nutrizionali
del Germe di Grano

Per 100 gr. (416 kcal) di prodotto:
- Proteine vegetali: 28 g
- Carboidrati: 55 g
- Grassi: 10 g
- Fibre: 15,6 g
- Ferro: 10 mg


Per una tabella dettagliata delle proprietà nutritive del germe di grano e della sua composizione aprite la pagina: Valori nutrizionali e composizione Germe di Grano.



GERME DI GRANO E SALUTE

I benefici del germe di grano derivano dalla sua composizione.
Contiene le preziose vitamine del gruppo B (B1, B3, B5 e B6), lecitina, provitamina A, D, ma ciò che più lo caratterizza è la presenza in alta percentuale di vitamina E, che svolge un importantissima azione antiossidante in grado di contrastare il livello dei radicali liberi. Sempre più studi concordano sulle implicazioni dei radicali liberi nei processi di invecchiamento e nelle patologie ad essi correlate. 

Assicurarsi con l'alimentazione un adeguato apporto di vitamina E concorre in modo naturale a ritardare tali processi e a ridurre i danni degenerativi dovuti all'inquinamento atmosferico. La vitamina E inoltre fornisce un sostegno importante alle nostre difese immunitarie, rafforzandole.

Un altro 'fiore all'occhiello' è la presenza di octacosanolo che contribuisce a migliorare la resistenza alla fatica fisica negli atleti e l’efficienza mentale in chi studia e in chi usa molto la mente ed il ragionamento. 
L’octacosanolo ha anche importanti effetti sulla fertilità e sulla potenza sessuale dell’uomo e in generale sul vigore di molte funzioni vitali: ad esempio può rilasciare i muscoli contratti dalla tensione nervosa, aumentare l'efficienza degli organi di senso, l'acutezza visiva e la prontezza di riflessi; la forza e la resistenza alla fatica, può 'rischiarare' la mente, offuscata dal superlavoro.

Il germe di grano contiene poi i seguenti oligoelementi: calcio, potassio, silicio, fosforo, zolfo, zinco, rame, ferro, magnesio, manganese, selenio e molibdeno.
E’ proprio questa ricchezza in oligoelementi, coniugata con le vitamine e l’octacosanolo a rendere efficace e completo questo alimento.
In particolare è da sottolineare l’attività riequilibrante del metabolismo lipidico che contribuisce a ridurre significativamente i valori di colesterolo nel sangue.


GERME DI GRANO IN CUCINA

Il germe di grano che abbiamo acquistato noi si presenta in fiocchi. Può essere usato per la prima colazione aggiungendolo allo yogurt, da solo o mescolato con muesli (alcuni in commercio contengono germe di grano) e frutta secca o fresca. 

Può essere usato nel latte o nelle bevande vegetali (latte di farro, latte di soia, latte d'avena, latte di riso) proprio come si fa con i cereali fioccati.

Può essere usato nelle minestre, nelle zuppe e nei brodi a fine cottura, per conservare tutti i nutrienti e non disperderli nella cottura. Per cui non cucinatelo mai.


E' ottimo anche nelle insalate. Sia nelle insalate verdi che miste (lattuga, funghi, verdura cruda di stagione, carote), insieme al gomasio o con i semi tostati. Ha il sapore neutro e delicato del frumento.
Nell'immagine l'etichetta dei fiocchi di germe di grano acquistati da noi. 


COME INTRODURRE IL GERME DI GRANO NELL'ALIMENTAZIONE

Trattandosi di un alimento concentrato e dall'alto valore nutrizionale se ne suggerisce un'assunzione moderata: da 2 a 4 cucchiaini da thè al giorno. Non è consigliabile un'assunzione continuativa quotidiana. 

Per apprezzarne appieno la 'forza' lo si può prendere come un integratore naturale durante i periodi di passaggio (inverno-primavera ed estate-autunno), a cicli o comunque in periodi di particolare stress psicofisico in cui si sente la necessità di una 'spinta' naturale e priva di effetti collaterali.
L'alimento da introdurre quotidianamente resta il cereale integrale, che dovrebbe costituire la base di un'alimentazione equilibrata e salutare.
E' possibile assumere anche olio di germe di grano.
Sull'olio di germe di grano potete leggere l'articolo dedicato alla pagina Olio di Germe di Grano, con approfondimenti su questo prezioso olio sia ad uso esterno che ad uso interno.


FAR GERMOGLIARE IL GERME DI GRANO

Il germe di grano diventa un alimento ancora più ricco se lasciato germogliare, poiché le sue proprietà nutritive si esaltano durante il processo di germinazione. Mettendo il chicco a contatto con l'acqua, anche solo per poche ore, l'embrione diventa sede di un'intensa attività enzimatica, che amplifica il suo prezioso serbatoio di nutrienti.
I germogli del grano possono essere prodotti facilmente a casa propria, utilizzando semi di origine biologica e mettendoli in ammollo in acqua tiepida per 12 ore. Successivamente andranno riposti in un piatto fondo, ricoperto con una garza umida che li protegga dalla luce diretta e dall'essiccamento. Lasciandoli ad una temperatura di 20°C ed avendo cura di bagnarli leggermente due volte al giorno, i germogli di grano potranno essere consumati dopo tre o quattro giorni. 
Per un adulto la dose consigliata è quella ottenuta a partire da un cucchiaio di semi secchi.





39 commenti

  1. Donata scrive:
  2. Ma allora si può usare a posto di un solare, per abbronzarsi?Ho si rischia un ustione? Grazie! :D

     
  3. en.theos scrive:
  4. Ciao Donata, è un piacere ritrovarti...sul Sentiero :)

    Più che come abbronzante l'olio di germe di grano (come del resto l'olio di canapa e gli olii vegetali in genere) si presta molto bene per la protezione la pelle durante l'esposizione ai raggi del sole. Molto efficace risulta la sua applicazione anche dopo l'esposizione come lenitivo e idratante.

    Per contro il rischio ustioni e invecchiamento precoce è elevato qualora si usino olii minerali (es: il famigerato Olio Johnson già citato nell'articolo sul karite)

    Buona serata!
    Andrea

     
  5. BRUNIVERSO scrive:
  6. Ciao Donata!

    Alla risposta di Andrea aggiungo l'esperienza 'femminile'...che è passata dalla miscela esplosiva (olio johnson + crema nivea a mezzogiorno d'agosto...vabbè ero piccola :P) alla delicatezza dei prodotti naturali, nonché ad una mia maggiore consapevolezza sull'argomento cosmesi (grazie Andrea!!! Come dico sempre 'mi hai salvata dalla cosmetica tossica'!! ...ma veniamo all'abbronzante...)

    La mia esperienza è:
    - Mangiare molta frutta e verdura dal pigmento rosso/arancione fin da ora (Andrea...'scusi'....nel dettaglio quali alimenti aiutano l'abbronzatura? Se vorrà rispondere...grazie :D )
    - Evitare abbronzanti PER il sole, ma sì alle protezioni o olii e creme idratanti PER l'esposizione al sole (che non secchino la pelle....e sì..sto pensando al 'nostro' burro di karitè :P)
    - Usare un lenitivo idratante dopo l'esposizione
    - Bere molta acqua

    Il senso di quello che voglio dire è che non voglio più aggredire la pelle, 'bruciarla' per abbronzarla...avere tutto subito ed i danni dopo...

    Voglio un'abbronzatura più lenta, progressiva, sana, naturale e duratura nel tempo.

    Se si fa attenzione a quanto ho scritto sopra infatti (almeno a me) viene un'abbronzatura più dorata, meno 'nera' e più durevole.
    E la pelle è più morbida...'non tirata'...

    A presto!
    Bruniverso

     
  7. Donata scrive:
  8. Ehi GRAZIE RAGAZZI, siete stati GRANDI! ;D Mi avete dato davvero degli ottimi consigli,che fortuna avervi trovato nell'universo dei BLOG! Non temere Bruniverso,la miscela olio Johnson più crema Nivea soft l'ho fatta anch'io! P.S- Continuo ad usare il burro di Kàritè con grande successo,io non lo mollo più!!!! Buona serata!

     
  9. BRUNIVERSO scrive:
  10. Ciao Donata.
    Grazie a te!

    Dalle statistiche vediamo che si collegano in tanti e tanti sono anche amici...ma non ci scrivono sul blog!

    Invece a noi piacerebbe una partecipazione nei commenti per arricchire ogni articolo... come vedi infatti da un minimo commento...apriamo un nuovo mondo ehehhe!

    Quindi grazie Donata!
    Hai scritto più di mia sorella che ha scritto...zero! Ahahahah

    A presto!
    E buon inizio di abbronzatura!

    Bruniverso

    P.S. Ma il germe grano lo usi come alimento quotidiano?
    Mi raccomando eh! :P Ed anche il miso Donata, è proprio essenziale. Abbiamo fatto un articolo.

     
  11. Donata scrive:
  12. No,al momento non lo uso proprio! Ho letto il vostro articolo (interessantissimo!) e avevo letto anche altre cose su quest'olio,quindi vorrei usarlo prima come olio cosmetico e poi chissà,magari lo compro anche per condirci l'insalata! ;D Buona la "battuta" su tua sorella,mi ha fatto ridere molto!!! (A me piace molto dire la mia sui blog se c'è un'argomento che m'interessa e sopratutto se mi rispondono,quindi presto!!!)

     
  13. BRUNIVERSO scrive:
  14. Ciao Donata... io intendevo anche i fiocchi di germe di grano. :D
    Sembrano muslei, puoi aggiungerli al latte, nello yogurt, nelle zuppe di legumi, nelle insalate...

    Quanto ai blog anche a me piace scrivere ogni tanto ed anche nei forum...puoi imparare tante cose. E sì è bello lo scambio con chi scrive. Noi finché potremo ci saremo, cioè sempre ehhehe

    Perché non ti fai un account gmail? Così puoi seguire i blog che ti piacciono e tenerti aggiornata su di loro.
    A presto!

     
  15. Sara scrive:
  16. Inizierò ad usare sicuramente il germe di grano nella mia alimentazione!!

    Ho postato una domanda sul germe di grano sull'articolo burro di karitè...ihihhi...scusate...

    La domanda era....più o meno quanto costa quello che comprate voi in fiocchi?

    Grazie
    Sono tornata!!!
    Saretta

     
  17. BRUNIVERSO scrive:
  18. Ciao Sara!
    Ti ho dato il bentornata nell'articolo sul gomasio :)

    Per il germe di grano in fiocchi (vado a memoria) costava 1,30 per 250 gr. e 1,90 per 500 gr. I prezzi sono da ritenersi 'circa' :P. C'è un margine d'errore di 15 centisimi.

    Se trovi il chilo io prenderei direttamente un chilo.
    Se hai bisogno di consigli su come usarlo scrivici, me ne sto inventando di tutti i colori!

    Anche germe di grano nell'impasto del pane ;)
    Mi sembra sia scritto anche nell'articolo.

     
  19. Diego scrive:
  20. Questo è l'articolo sul germe di grano più bello del web!
    Complimenti vivissimi.
    Mi ha 'costretto' a leggerlo la mia ragazza, vostra fan su facebook (io non uso facebook) perhé faccio sport e si è fissata che devo prendere le proteine non dalla carne ma da altri alimenti. Lei è brava e preparata, fà la naturopata, ed io la amo e penso abbia ragione perché sulla carne ho letto tante cose. Però devo tenermi in forma e non uso nessun additivo. Quindi ben vengano tutte queste cose che non sapevo.

    Considerato che mi ha 'costretto' anche a scrivere il commento...è qui col forcone...no scherzo..ahii.. mi fa piacere. Anzi vorrei chiedere. Per me che mi alleno 4 ore al giorno (non molto perché di lavoro faccio altro) tra corsa, palestra, bicicletta quanto germe di grano posso mangiare (come quantità massima intendo). Mi piace moltissimo nello yogurt e nel latte di riso + calcio (quello Isola Bio avete presente?)

    E la mia dolce metà vuole sapere con quali alimenti far partire uno come me per sostituire man mano la carne, lei mi ha fatto una tabella. Sa che potrebbe saperne più lei di voi semplicemente perché mi conosce di più e conosce le mie abitudini. Vi stima e vi legge sempre e si vergogna a scrivere...ahiii!!!...eheheh... e quindi vuole semplicemente un parere anche generico per confrontarsi.
    Ovviamente non fumo, non bevo, non amo fritti ed insaccati.

    Ciao da Diego e a parte gli scherzi davvero complimenti per il blog. Ho letto tutti gli articoli sulla carne, lo zucchero e l'alimentazione. Bravi davvero.

     
  21. Diego scrive:
  22. Ciao Brunella! La mia ragazza si chiama Eleonora.
    Aspetto allora risposta da Andrea. Grazie!

     
  23. en.theos scrive:
  24. Ciao Diego, scusa il ritardo ma sono stati 2 giorni 'impegnativi'..
    Il germe di grano è ottimo come integratore per chi svolge un'intensa attività fisica quindi nel tuo caso rappresenta un ottimo complemento naturale.
    L'argomento carne è molto delicato. Cresciamo in un'epoca in cui se ne consuma un quantitativo insensato e ingiustificato, se hai letto gli articoli che abbiamo pubblicato in proposito (ed è ancora poco) sai a cosa mi riferisco. Ciononostante non ha senso fare crociate, imporre o imporsi regimi differenti per 'ideologia'. Ci si può arrivare per consapevolezze progressive. E non è detto che si arrivi ad eliminare l'alimento. Magari reintroducendo nella dieta quotidiana la varietà, ricchezza e complessità delle proteine vegetali (cereali, legumi e semi oleosi ne sono ricchi) accadrà naturalmente che il 'bisogno' di quelle animali verrà meno e ci si potrà a quel punto chiedere se ha ancora senso mangiare carne tutti i giorni oppure se, come insegnano i nostri vecchi (e oggi i più evoluti oncologi), consumarla più di rado o addirittura mai.
    Personalmente non amo le tabelle e se Eleonora ne ha preparata una per te sono convinto abbia fatto del suo meglio, ti suggerisco di partire da li e di ascoltare anche il tuo corpo senza importi nulla; sono certo troverete la miglior mediazione possibile.

    Grazie a te e a presto!
    Andrea

    PS: il latte vegetale se possibile prendilo 'semplice': le aggiunte siano esse vitamine, fermenti, oligoelementi, sono l'inutile ricalco di una pessima abitudine dell'alimentazione industriale.

     
  25. Diego scrive:
  26. Più o meno le cose che mi ha detto Eleonora.
    Infatti voleva giusto una prova.

    Grazie mille ragazzi, ormai vi leggerò sempre pure io.
    Diedo ed Eleonora

     
  27. BRUNIVERSO scrive:
  28. Grazie a voi!
    Spero continueremo ad allietare le vostre letture con i nostri articoli :)

    A presto!

     
  29. en.theos scrive:
  30. Riposto un commento che ho inavvertitamente cancellato, ma fortunatamente ho l'abitudine di salvare i le cose che scrivo e così lo ripropongo:


    Si Bru, ottimo lavoro :)

    Le vitamine sono importantissime, frutta e verdura colorate ('saggiamente' la natura nella stagione calda ce le rende disponibili in abbondanza). In particolare sono indicati gli alimenti ricchi di vitamina A: albicocche, anguria, asparagi, broccoli, carote, cachi, cavolo, indivia, lattuga, melone, peperoni rossi, pomodori, spinaci, zucca.
    E poi l'idratazione, specialmente quella dall'interno (la pelle si 'fa' da dentro, da fuori si riesce a fare molto poco), e una protezione adeguata e naturale sono consigli importantissimi.


    Ce n'è uno però che non mi stanco mai di ripetere, ovvero rispettare tempi e modalità di esposizione ai raggi del Sole.
    Il discorso andrebbe dettagliato (mi riservo di farlo) in base a stagione e fototipo, ma in linea di massima le regole generali per evitare i danni da sovra esposizione (invecchiamento precoce, danni alla vista, tumori della pelle e malori di ogni sorta) sono:

    - evitare l'esposizione durante le ore centrali della giornata (intervallo 11:00 - 16:00)
    - evitare esposizioni prolungate, specie ad inizio stagione quando la pelle non è ancora abituata ai raggi UV
    - ripetere più volte l'applicazione della protezione, spesso dopo un bagno buona parte viene lasciata in acqua

    Un altra cosa che sono solito ripetere a chi mi interroga sull'argomento è questa: la scottatura, arrossamento della pelle che precede l'abbronzatura, è una risposta infiammatoria acuta di un organo, la pelle, aggredito violentemente dai raggi UV-B. Sottoporre continuativamente un organo così delicato e sensibile a un tale livello di stress è solo dannoso per la salute.
    Ora, al di la di considerazioni estetiche per me del tutto relative, questa prospettiva dovrebbe far riflettere. E di solito vi assicuro che accade!

    E come sempre, tutto sta nel come..
    Perchè non vivremmo senza il Sole che è la nostra stElla, che aiuta a prevenire e curare tantissime malattie, che condiziona il nostro umore e le nostre funzioni vitali regolando il ritmo sonno-veglia :)
    Per cui VIVA IL SOLE e una sua fruizione consapevole!

    Un abbraccio,
    Andrea

     
  31. weiji scrive:
  32. Grazie a voi per aver pubblicato questo utile articolo.

    Buone Gionate :-)

     
  33. BRUNIVERSO scrive:
  34. :) Weiji grazie a te per la pubblicazione.
    Con il garbo e la netiquette mostrata puoi prendere da noi tutti gli articoli che vuoi se ti sono utili. :)
    A presto!

     
  35. Anonimo scrive:
  36. Vorrei sapere la differenza dei nutrienti del germe di grano (proteine, vitamine, sali minerali e fitoattivi) nell'uso crudo e in quello cotto. Esiste tabella particolareggiata in materia?
    Grazie, Maurizio

     
  37. en.theos scrive:
  38. Ciao Maurizio,
    non sono a conoscenza di una tabella simile.
    Posso solo dirti che vitamine termolabili come quelle del gruppo B si perdono nella cottura e allo stesso modo molte sostanze fitoattive (tra cui il prezioso octacosanolo). I sali minerali invece vengono ceduti all'ambiente di cottura pertanto si 'recuperano' in qualche modo se si fa cuocere il germe in una minestra o un risotto ad esempio.
    Ribadisco quindi l'importanza di non cuocere un integratore simile.

    Grazie e a presto!
    Andrea

     
  39. Jessica B. scrive:
  40. Ciao compagni!

    Io sto assumendo il germe di grano in fiocchi + olio di germe di grano (1 cucc.ino al dì di ciascuno).

    Anch'io ho trovato il germe di grano in fiocchi della Natural Food da 500 g a 2.79 € (da NaturaSì a Lodi).

    L'olio di germe di grano della Naturata (sempre da NaturaSì a Lodi) invece costa 9.55 € (controllate la scadenza!) per 250 ml.

    Volevo aggiungere il consiglio di conservare entrambi questi prodotti in frigo, dato che l'elevato contenuto lipidico li fa irrancidire velocemente.

    Ah, e poi io uso un mezzo cucchiaino di olio di germe di grano come emolliente per le mani screpolate: meglio di qualsiasi crema, l'ho messo una volta e la pelle è tornata liscissima!

     
  41. en.theos scrive:
  42. Ciao Jes! Grazie per la testimonianza e i suggerimenti aggiuntivi con cui integreremo l'articolo :)

    Andrea

     
  43. Carol scrive:
  44. Ciao, a tutti, il blog è stupendo e utilissimo, l'ho scoperto per caso, ma ora lo consulto sempre per l'alimentazione e non.Fantastica la scoperta del burro di Karitè e dell'olio di lavanda!! volevo capire se il germe di grano funziona anche come ricostituente, ora in primavera sono a pezzi e vorrei un aiutino naturale senza prendere integratori di vitamine in farmacia che, in tanti anni, non mi sono mai serviti a nulla!
    Ho letto che funzionano anche il gingseng(ma che è sconsigliato agli ansiosi)voi che mi dite?
    Ciao e ancora complimenti!!
    Carol

     
  45. BRUNIVERSO scrive:
  46. Ciao Carol,

    grazie mille per il tuo commento!

    Andiamo con ordine:

    1- Felicissima che tu gradisca il burro di karité e l' OE di lavanda :) Anche combinati insieme! Ultimamente sto usando dell'olio di cocco, assolutamente puro al 100%, per gli stessi usi del burro di karité. Prova e fammi sapere! Non unge e lascia un effetto seta naturale sulla pelle, perfetto sia per il viso che per il resto del corpo.

    2- Il germe di grano è di per sé un integratore e come tale non andrebbe assunto in grandi quantità: 1 o 2 cucchiai al giorno per brevi periodi (un mese circa) possono andar bene.
    Oppure può essere utile unirlo ai propri cereali per yogurt o latte vegetale se se ne fa uso.

    3- Per quanto riguarda il Ginseng la mia impressione, e prendila da un punto di vista del tutto personale, è che il ginseng sia molto più pericoloso del caffè. E' un eccitante molto potente, al quale non siamo per nulla abituati. E' certamente da sconsigliare 'soprattutto' a coloro che soffrono di ipertensione o disfunzioni che procurano stati d'ansia.

    A presto!
    Brunella

     
  47. Anonimo scrive:
  48. vorrei usare il germe di grano per mio figlio di 20 mesi, è appena stato operato all'intestino. andrà bene per la convalescenza o sarà pesante da digerire?

     
  49. Anonimo scrive:
  50. Io gradirei sapere quali trattamenti subisce dal momento che irrancidisce facilmente quando si separa dal resto del chicco. Io so, purtroppo, niente di buono. Grazie.

     
  51. en.theos scrive:
  52. Mi risulta che l'unico trattamento cui viene sottoposto il germe di grano di origine biologica (sottolineo di origine biologica) sia un trattamento termico che stabilizza l'alimento e non compromette le sue proprietà nutritive.
    Se lei è a conoscenza di altre procedure, come da a intendere, la invito a riportarle ed eventualmente a indicarci le sue fonti.

    Grazie,
    Andrea

     
  53. Lavia scrive:
  54. Che bello questo sito ... sto trovando molte notizie interessanti . Grazie

     
  55. Francesco scrive:
  56. ciao a tutti.... complimenti per il blog.. io ho appena acquistato del germe di grano biologico... sono un ragazzo di 23 anni che preferisce alimenti naturali (erba medica, soia, lievito di birra ecc)per il benessere naturale e per ottenere buoni risultati fisici in palestra... vorrei sapere una quantità massima da assumere al giorno e a lungo andare... Ps:preferirei prendere il germe di grano alla mattina insieme (o in sostituzione) al latte.. grazie in anticipo..

     
  57. Francesco scrive:
  58. ...o anche al pomeriggio dentro ad uno yogurt greco..

     
  59. en.theos scrive:
  60. Ciao Francesco, ribadisco quanto scritto nell'articolo: non è indicata un'assunzione continuativa del germe di grano, l'ideale è fare dei cicli in corrispondenza con i cambi di stagione ad esempio o in preparazione di sforzi intensi fisici o mentali. In questi periodi puoi indicativamente assumere 4 cucchiaini al giorno.

    Andrea

     
  61. Anonimo scrive:
  62. salve sono maiagrazia volevo chiedere è vero che la pasta con germe di grano và bene per chi ha problemi di diabete?

     
  63. elektra scrive:
  64. ciao sono incinta e mi hanno detto che l'olio di germe di grano è molto efficace per le smagliature volevo sapere se era vero!! grazie mille

     
  65. en.theos scrive:
  66. Ciao Elektra, olio di mandorle e olio di germe di grano vanno benissimo per la prevenzione delle smagliature in gravidanza, il germe di grano in particolare idrata, unge poco e viene assorbito completamente dalla pelle. Ti raccomando solo di trovare un olio naturale, fatto 'come si deve' ;)

    E congratulazioni per la futura nascita!

    Andrea

     
  67. maria scrive:
  68. bellissimo questo sito.....grazie!!!!!

     
  69. laura37 scrive:
  70. Ciao,solo oggi ho scoperto questo sito molto interessante che continuerò a seguire,conosco il germe di grano che aggiungo all'impasto del pane fatto con lievito madre; proverò ad adoperare l'olio.
    laura.perazzelli@gmail.com

     
  71. Yvonne Morandi scrive:
  72. .. la confezione non mi sembra BIO !!! :-(

     
  73. Mike Scofield scrive:

  74. Mia Moglie Stadio IV cancro al seno e MS è stato appena guarito con l'olio di cannabis ottenuto da ricksimpsoncannabisoil@outlook.com, olio di cannabis è grande farmaco. Al diavolo il governo e la loro folle politica, abbiamo un farmaco che è al cento per cento garantito per curare il cancro e che non abbiamo bisogno di spendere così tanti soldi in più su chemio, radiazioni o interventi chirurgici che non avrebbe funzionato.
    Dove acquistare, contattare Rick: ricksimpsoncannabisoil@outlook.com
    La mia famiglia è oggi un marchio nuovo, in modo da fermare le vostre preoccupazioni e andare a prendere il farmaco e impostare la famiglia libera della malattia mortale che detengono alcun rispetto per l'armonia familiare.
    Fai la tua salute uno migliore, utilizzando olio di cannabis nella vita di tutti i giorni.

     
  75. Igor Ash Ra scrive:
  76. nella tabella nutrizionale indicata dal link, dice che NON contiene vitamina D, invece voi ne elogiate la presenza... c'è o no? in caso quanta?

     
  77. Madame Fleur scrive:
  78. Ciao, io lo uso prevalentemente per la cura dei capelli.
    Quello che acquisto ha determinate caratteristiche che lo rendono davvero ottimo.
    Ci aggiungo gli oli essenziali (2% sul tot) per personalizzarlo e renderlo maggiormente efficace.
    http://www.prodottidibenessere.it/it/purezza-oli-viso-e-corpo/2066-germe-di-grano-100-ml-200043.html

     

Posta un commento

Segui il Sentiero!


Ultimi commenti

Google Connect

Statistiche